Se è possibile lasciate a casa fratellini, sorelline o altri elementi della famiglia, anche adulti.  Solitamente è meglio

che ci sia poca confusione, per fornire alla/al  bambina/o messaggi semplici, coerenti e diretti. L'intermediazione di più persone ingenera confusione e non aiuta quasi mai la/il bambina/o.

Spegnete i cellulari, anche in sala d'attesa. Ci sono molti giochi che potete fare insieme in sala d'attesa.
Noi cercheremo sempre di non tardare, per agevolare il sereno svolgimento della visita, ma un momento di svago con il genitore in un luogo nuovo puo' aiutare a distendere la situazione. 
Fategli indossare degli abiti confortevoli, anche una tuta, e counque qualcosa che a loro piace indossare. Consentitegli anche di portare un gioco o un pupazzo/bambola.
E' sconsigliabile utilizzare giochi sul cellulare o sull'IPAD. Non portateli. A Nova Pediatrica abbiamo un bellissimo Touch Screen, con dei giochi "tranquilli" che rendono l'attesa più serena, senza l'influenza della competitività del gioco o della necessità di raggiungere un determinato punteggio. 
Abbiamo anche una grande "stanza segreta" che ci consente di familiarizzare con i bambini facendoli andare in altalena o facendoli saltare sul tappeto elastico.
E' un bel modo per conoscersi!
Le ore migliori sono quelle comprese tra le 10,00 e le 12,00, scuola o asilo permettendo,  oppure tra le 15,00 e le 17,30.
Mentre nella prima visita odontoiatrica dai 6 mesi ai 4/5 anni di età, i bambini beneficiano della presenza di tutti e due i genitori, dai 5/6 anni in su, e' consigliabile la presenza di un solo un genitore. La presenza contemporanea della mamma e del papà poterebbe allarmare la/il bambina/o. Si potrebbero anche realizzare delle situazioni di imbarazzo o di incomprensione tra i genitori che potrerbbero creare confusione nella/nel bambina/o, provocando una reazione negativa. Talvolta accade e rischia di compromettere tutto. Accade con maggiore frequenza quando i genitori sono separati o in procinto di farlo. Si puo' comunque venire in due le volte successive, o meglio ci si puo' alternare.
Se comunque si decide di venire in due, è importante rispettare quanto sopra esposto, senza ostacolare i modi e i tempi della visita.
La prima visita dal dentista deve essere un incontro piacevole e senza forzature e senza tensioni esterne. 

Raccontategli che farà una visita in un posto divertente, dove andrà a prendere un regalo e conoscerà delle persone nuove molto simpatiche. 
Siate positivi e non utilizzate mai frasi come:
"Vedrai che non ti farà male."
"Tanto dura poco"
"Non ti faranno la puntura." 
Se avete vissuto male questa esperienza quando eravate bambini, non trasmettete la vostra ansia alla/al vostra/o bambina/o.
Siate l'adulto che volevate fosse al vostro fianco quel giorno.
Non parlate di aghi, siringhe, pinze nè di quanto male avete avuto o episodi accaduti a terzi.
Nella prima visita non accade mai niente del genere.
Fate molta attenzione ai racconti inappropriati che a volte vengono proposti da nonni, zii o piu' spesso fratellini e sorelline e/o compagni di scuola.
Quindi meglio raccontare a tutti la visita dal dentista solo dopo che ci siete andati, ma sempre con la richiesta esplicita di non fare racconti inappropriati e di avere un atteggiamento positivo.

Alcuni genitori, sicuramente motivati da buone intenzioni, sono soliti rinforzare le richieste del dentista, ("apri la bocca un po' di più", "gira la testa", etc.), causando
un amplificazione eccessiva del dialogo e ponendo una barriera al "nascente" rapporto tra il dentista e il bambino. 
Il bambino divide la sua attenzione tra i genitori e il dentista. Il dentista divide la sua attenzione tra genitori e figlio.
Si genera una situazione di confusione che danneggia il buon esito del lavoro che si sta svolgendo. 
L'ansia proiettata dai genitori può avere un effetto negativo sul comportamento della/del bambina/o.


È utile stabilire un rapporto su un argomento di interesse per ogni singolo bambino. Alcuni momenti discutendo argomenti non dentali che possono riguardare gli amici, la scuola, i giocattoli preferiti, i programmi in TV, ecc. 
I bambini ricordano più degli adulti e puo' essere che proprio uno di questi argomenti può fornire un utile aggancio per generare un buon affiatamento nel rapporto bambina/o e odontoiatra in una successiva visita di richiamo 6 mesi mesi dopo.

Per quanto riguarda i bambini con una particolare disposizione verso un atteggiamento ansioso, ci si potrà accordare per una prima visita più breve, nella quale si potrà giocare con la poltrona odontoiatrica, (il "riunito"), guardare allo specchio la propria bocca e contare i denti imparando il loro nome. L'assenza di particolari richieste e la sensazione di aver comunque affrontato positivamente un'esperienza nuova, saranno preziose conquiste per l'autostima promotrici di positività per un successivo incontro.              <----    TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE